Sanst, riposa in 20 minuti

Un’ora tranquilla – come in un sanatorio o asilo, per dormire un po ‘o semplicemente rilassarsi dopo cena. Si scopre che questo non è affatto pigrizia o surplus, ma una tradizione salutare per la salute.

In noi, ci sono “gufi” e “grandi”, qualcuno è sufficiente per sei ore di sonno e alcuni non sono sufficienti e dieci: la quantità di sonno in cui abbiamo bisogno è determinata dall’eredità. Ma la tendenza al sonno diurno è un tratto individuale che si trova negli uomini e nelle donne, nei meridionali e nei settentrionali.

Si scopre che non solo i residenti del Mediterraneo e alcuni paesi dell’Est necessitano di Siesta, e per niente un clima caldo. Quando il sole è a uno zenit, molti hanno la necessità di riposare. Gli esperti credono: se lo soddisfi, questo contribuirà a migliorare l’attenzione, la memoria e aumentare il potenziale creativo.

Cos’è una vacanza quotidiana

Siste (latino sexta – sesta ora del giorno) chiama il tempo di riposo dopo un pasto quotidiano. Nei paesi meridionali, è entrato nella tradizione così tanto che le banche, i negozi e persino la maggior parte del caffè sono chiusi nelle ore pomeridiane. Le strade sono deserte e un raro passante, affrettandosi a un’ora del genere sulla sua attività, provoca stupore. In effetti, l’usanza delle vacanze pomeridiane esisteva anche in Russia e in tutti gli strati della società: tra aristocratici, commercianti, contadini. Fino alla rivoluzione molto industriale, fino a quando lo stile di vita iperattivo della metropoli ha trasformato una giornata in una vacanza in un sogno irraggiungibile.

Tuttavia, Siesta porta alcuni bonus al corpo e gli scienziati erano seriamente interessati a questo. Lo psicologo Bill Anthony, direttore del Center for Psychiatric Rehabilitation dell’Università di Harvard (USA), ha studiato l’effetto positivo di questa “pausa anti -stress” a metà giornata per più di dieci anni. È stato scoperto che la vacanza quotidiana ti consente di “riavviare” il cervello e poi assorbire molto meglio nuove informazioni.

Altri studi dimostrano che questa vacanza di 20 minuti aumenta le prestazioni del lavoro intellettuale di circa il 20%. I ricercatori suggeriscono che la prima fase del sonno (quando non vediamo ancora i sogni) è molto importante per ricordare varie informazioni – e quindi che possa essere facilmente rimossa dalla memoria. Tuttavia, se passiamo alla fase successiva del sonno, accompagnata da sogni, allora viene cancellato l’effetto della “memorizzazione della luce”. Gli scienziati non hanno ancora scoperto pienamente i meccanismi di questo fenomeno, sebbene possano già spiegare le ragioni della nostra sonnolenza pomeridiana.

Quando il sonno è utile per il cuore

Si scopre che dopo pranzo il sonno è utile non solo per il cervello e il sistema nervoso, ma anche per il lavoro del cuore. Lo studio degli scienziati sotto la guida di Dimitros Trichopulos e Andronika Naska della scuola di medicina ateniese in collaborazione con la Harvard School of Public Health ha coperto 23.681 persone nelle regioni in cui Siesta era un modo di vivere tradizionale.

Un gruppo di partecipanti alla ricerca ha dormito dopo pranzo almeno tre volte a settimana, altri occasionalmente, altri – mai affatto. I risultati dell’osservazione di queste persone hanno mostrato per sei anni: il sonno pomeridiano regolare il 37% riduce la probabilità di mortalità da problemi cardiaci. Un sogno episodico dà una riduzione del 12 % in questa probabilità. Mentre gli scienziati si astengono dalle conclusioni sensazionali: l’effetto del sonno diurno sul corpo deve ancora essere studiato.

Ritmi quotidiani

Secondo un neuropatologo Michel Tiberge del Sleep Center di Tolosa (Francia), “una tendenza ad addormentarsi circa 14-15 ore è geneticamente programmata in una persona”. Durante questo periodo, l’attenzione è ridotta, gli occhi si attaccano, la testa tende al torace. Alcuni ti danno francamente il naso, altri semplicemente non possono concentrarsi al lavoro in alcun modo.

“Una persona è organizzata in modo che le” porte del sonno “gli aprano per uno o due minuti ciascuno e mezzo a due ore. Questo ritmo arcaico risale ai tempi primitivi “, spiega Michelle Tiberzh. Per non diventare preda di predatori, una

Non ci sono siti imperfetti per sorprenderlo, di sicuro che ce l’hanno! La persona di non puoi nascondere un simile scrigno a cui dovrebbe essere spogliata, non riderà mai l’acne sulla schiena. E se non puoi permetterti di spogliarsi alla luce – credimi, il problema non è in te.

persona preistorica non ha dormito a lungo, ma spesso.

“Questa condizione dipende dai nostri orologi biologici che sono sintonizzati sul ritmo quotidiano, ma non sono collegati a alcun processo fisiologico come quelli che sono annotati prima della ritirata serale (riduzione della temperatura corporea, ecc. P.),-dice la biologa francese Ann-Marie Malabr. – A proposito, in questo momento c’è un picco di incidenti stradali. I medici sostengono che il declino di questo giorno è fenomeni residui che sono stati conservati da un sonno per bambini polifesi “.

Il fatto è che le fasi del sonno e della veglia si alternano nei neonati di giorno e notte. Nel tempo, le fasi del sonno diurno sono ridotte, ma la necessità di riposo pomeridiano nella maggior parte di noi scompare negli ultimi quattro e sei anni. Noi, adulti, abbiamo solo un certo declino dell’attività da esso, che è diverso da persone diverse e dipende da molti fattori: periodo dell’anno, temperatura ambiente, quantità e contenuto calorico del cibo mangiato.

Molte persone creative hanno intuitivamente ritenuto che una vacanza a mezzogiorno abbia un effetto positivo sulla capacità di creare. Ad esempio, Leonardo da Vinci ha sviluppato la sua versione del sonno polifadico: credeva che fosse utile dormire per 15 minuti ogni due ore.

Quando è meglio dormire?

Quindi, il declino pomeridiano dell’attività è naturale. Resisti alla natura, combatti la sonnolenza, spingendoti con il caffè? Si scopre che la siesta non significa necessariamente sonno, la cosa principale è essere in grado di ripristinare la forza. E tutti possono sviluppare la propria versione della “pausa anti -stress”: mettere la testa sul desktop o allungare nel parco sull’erba, chiudere le tende o immergersi su una panchina sotto i raggi del sole.

Coloro che sono impegnati a pieno tempo, puoi provare a organizzare una tale pausa all’ora di pranzo. Se segui l’approccio scientifico, è perfetto regalarti 20-30 minuti di riposo circa 14-15 ore. Supera questa durata (corrispondente alle prime fasi “luce” del sonno lento), lanciamo un ciclo di sonno di 90 minuti e mettiamo la possibilità della possibilità di recuperare di notte.

Non è anche sicuro di addormentarsi a circa 17 ore: puoi rendere difficile vedere un ritiro da sera per dormire. Per lo stesso motivo, il sonno diurno non è raccomandato a coloro che soffrono di insonnia: in un giorno stanno meglio stanchi per dormire bene la notte.

Se, durante il risveglio, non prendiamo vita immediatamente, questo significa che siamo riusciti ad entrare nella fase del sonno profondo. Questo dà una sensazione di “testa pesante”. Una siesta così prolungata è inutile per noi diversa dai casi di notte insonne, la differenza di tempo, in una parola, compensazione per “mancanza di sonno”. Tuttavia, l’abuso del sanst può indicare una reazione psicologica della regressione: una persona sembra nascondere le sue paure in un cuscino per farle silenzio.

Esprimere simbolico in due minuti

Coloro che non possono distrarre dal lavoro per molto tempo, che sono inclinati ad addormentarsi troppo in profondità, e in generale tutti coloro che vogliono ripristinare le forze possono imparare la “siesta veloce”. A poco.

Mizascena: Il telefono sulla segreteria telefonica, la luce sparsa, se necessario, prendilo, una benda davanti ai nostri occhi e il segno “non disturbare”. Allenta una cravatta, una cintura, sbottona i bottoni o il fulmine, togliti e prendi una tale posa (seduto o sdraiato), che ti consente di rilassare la schiena, il collo, gli arti.

Immersione: Chiudi gli occhi, respira lentamente, sbadiglia quanto vuoi. Rilassati e considera mentalmente tutte le parti del corpo, senti il ​​loro calore, la loro gravità. Fammi un piacevole immagine e fiori piacevoli. Coprendo le palpebre, ruotare in una direzione, quindi nell’altra, quindi dirigerle. E immergiti lentamente in un sonno.

Risveglio: Prova a programmare mentalmente il tempo di risveglio. Fai un respiro profondo, muovendo leggermente le dita, i pennelli, i piedi. Prendi un altro respiro e allunga. Apri gli occhi, guardati intorno e fissa gli occhi prima sull’argomento lontano da te, e poi per ripristinare la sistemazione visiva. E l’ultimo: sorriso!

Ti aiuteranno anche: Esercita Tychi o Qigun, Pranayama, Meditazione e un po ‘più di conoscenze teoriche sulla respirazione, la circolazione del sangue, il funzionamento dei muscoli che possono essere trovati nei libri sulla respirazione di ginnastica o yoga.

发表评论

您的电子邮箱地址不会被公开。 必填项已用*标注

contact from